Il pianeta Terra era blu prima di quanto credessimo

La Terra potrebbe essere diventata il pianeta blu già solo dopo 200 milioni dalla sua formazione, fattore che l’avrebbe resa una casa accogliente per la vita centinaia di milioni di anni prima di quanto pensassimo.

I primi 600 milioni anni della Terra sono chiamati gli anni infernali, per una buona ragione. “Questo periodo è tradizionalmente visto come il periodo della storia della Terra più caldo, quando il nostro pianeta ancora giovane era simile all’inferno e invivibile“, dice Judith Coggon dell’Università di Bonn, in Germania.
Ma l’inferno potrebbe essere stato relativamente di breve durata. Coggon ed i suoi colleghi hanno scoperto delle rocce, in Groenlandia, che contengono una firma chimica propria del mantello risalenti a 4,1 miliardi anni fa, soli 400 milioni di anni dopo che è nato il nostro pianeta. Quella firma chimica suggerisce che le condizioni ambientali a quel momento potevano essere più simili a come lo sono oggi di quanto ci aspettassimo.
I modelli suggeriscono che alcuni metalli siderofili, come oro e platino, che si sciolgono cioè nel ferro fuso, dovrebbero essere affondati alla ricerca del ferro contenuto nel nucleo della Terra appena essa si è formata. Dato che sono relativamente abbondanti nel mantello di oggi, si è supposto che i meteoriti e le comete che hanno impattato sulla Terra circa 3,9 miliardi di anni fa, lo hanno rifornito di questi elementi. Questo ipotetico evento, noto come il tardo Veneer, è anche considerato il periodo in cui è arrivata sulla Terra la maggior parte della sua acqua, precipitata su di essa come ghiaccio.
I campioni di roccia di Coggon, però, suggeriscono che il mantello terrestre era stato “rabboccato” con minerali siderofili già 4,1 miliardi di anni fa, il che significa che il tardo Veneer e la nascita degli oceani della Terra, devono essere avvenuti prima di quanto si pensasse. Potrebbe in effetti essere accaduto prima di 4,3 miliardi anni fa, dice la Coggon: rocce di questa età scoperte l’anno scorso suggeriscono che, al momento della loro formazione, il mantello terrestre era già ricco di minerali siderofili (Nature Geoscience).
Se è così, la Terra aveva già i suoi oceani poco più di 200 milioni di anni dopo che si era formata, il che porta a retrodatare di molto la possibile origine della vita sulla Terra, dice la Coggon.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...