Perché si dice “stare in campana”?

Il modo di dire “stare in campana” vale come avviso a stare all’erta, con occhi e orecchie bene aperti contro eventi imprevisti. L’origine della frase è naturalmente riferita al suono delle campane che fino a non molto tempo fa scandiva ogni momento della giornata di un centro abitato. Il loro uso ecclesiastico in Occidente è documentato già a partire dai secoli V e VI dopo Cristo, inizialmente per convocare i fedeli alle funzioni religiose e in seguito per scandire i vari momenti della giornata (Mattutino, Angelus e Vespro). Inoltre annunciavano gli avvenimenti più importanti, compreso i pericoli incombenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...