Sapevate che i cavalieri romani usavano maschere di metallo in battaglia?

Il ritrovamento alcuni anni fa di una maschera facciale laminata d’argento sul luogo delle celebre battaglia della foresta di Teutoburgo tra Romani e Germani del 9 d.C. ha gettato nuova luce sull’utilizzo di questi ornamenti. In precedenza si pensava infatti che queste maschere in dotazione alla cavalleria romana avessero un uso funerario o da parata. Invece precisi test hanno dimostrato che questi oggetti (anche di bronzo e a volte formavano un tutt’uno con l’elmo) non intralciavano in battaglia il cavaliere, il quale non potendosi riparare dietro ampi scudi li utilizzava come protezione e anche per incutere timore nei nemici.
La battaglia di Teutoburgo si svolse nell’anno 9 d.C. tra l’esercito romano guidato da Publio Quintilio Varo e una coalizione di tribù germaniche comandate da Arminio, capo dei Cherusci. La battaglia ebbe luogo nei pressi dell’odierna località di Kalkriese, nella Bassa Sassonia, e si risolse in una delle più gravi disfatte subite dai Romani: tre intere legioni (la XVII, la XVIII e la XIX) furono annientate, insieme a oltre a 6 coorti di fanteria e 3 ali di cavalleria ausiliaria.
Il materiale archeologico trovato sull’area della battaglia (su una superficie complessiva di 5 per 6 km), era di oltre 4.000 oggetti di epoca romana, tra cui spade, pugnali, parti di elmi e scudi, ma anche forcine, spille e fermagli a testimonianza del fatto che vi erano anche donne al seguito dell’esercito romano.
Fonte parziale Wikipedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...