La vita continuò per quanto riguarda gli ecosistemi marini dopo l’estinzione di massa

Una delle più grandi estinzioni globali di massa non ha cambiato radicalmente gli ecosistemi marini, è quanto hanno scoperto gli scienziati.

Un team internazionale di scienziati, tra cui il dottor Alex Dunhill dell’Università di Leeds, ha scoperto che, anche se l’estinzione di massa nel periodo tardo Triassico ha eliminato una vasta proporzione di specie viventi sulla terra ferma, non sembra ci siano state drastiche modifiche al funzionamento degli ecosistemi marini.


L’autore principale dello studio, il Dr Dunhill, dalla School of Earth and Environment at Leeds, ha dichiarato: “Mentre l’estinzione di massa del Tardo Triassico ha avuto un grande impatto sul numero complessivo di specie marine, c’era ancora abbastanza diversità tra le specie residue e quindi l’ecosistema marino era in grado di funzionare allo stesso modo in cui funzionava prima dell’estinzione“.

Non stiamo dicendo che non è successo niente“, ha detto il co-autore dello studio, Dr William Foster, paleontologo della School of Geosciences di Jackson presso l’Università del Texas a Austin. “Piuttosto, gli oceani nell’ultimo periodo dell’estinzione erano un po’ come una nave con un equipaggio di scheletri – tutte le stazioni erano operative, ma gestite da relativamente poche specie“.

L’estinzione di massa del Tardo Triassico si è verificata 201 milioni di anni fa. Quasi il 50 per cento della vita sulla Terra è morto a seguito di enormi eruzioni vulcaniche. L’attività vulcanica ha portato alla presenza di elevati livelli di gas a effetto serra nell’atmosfera che hanno portato a un rapido riscaldamento globale. Le eruzioni sono associate anche alla rottura del supercontinente Pangea e alla nascita dell’Oceano Atlantico.

La squadra ha confrontato il comportamento degli ecosistemi marini attraverso l’evento di estinzione di massa del Tardo Triassico esaminando i fossili dal Medio Triassico e del Medio Giurassico – un intervallo di 70 milioni di anni. Hanno classificato lo stile di vita di diversi animali che abitavano l’oceano in base a come si muovevano, dove vivevano e come si alimentavano.

Erano quindi in grado di determinare che nessuno di questi stili di vita era scomparso completamente a causa dell’evento di estinzione, che quindi conservò l’ecosistema marino.

I loro risultati, pubblicati il 20 ottobre su Palaeontology, hanno dimostrato che, mentre l’estinzione non ha portato a un cambiamento ecologico marino globale, ha avuto profondi effetti regionali e ambientali e ha avuto un impatto estremo su ecosistemi marini specifici.

Il dottor Dunhill ha dichiarato: “Una delle grandi vittime marittime del Tardo Triassico sono stati gli animali stazionari delle scogliere, come i coralli. Quando abbiamo esaminato i dati fossili, abbiamo visto che mentre l’ecosistema marino ha continuato a funzionare nel suo complesso, ci sono voluti milioni di anni per gli ecosistemi delle barriere tropicali per recuperare da questo cataclisma ambientale“.

Gli ecosistemi della barriera corallina sono i più vulnerabili a un rapido cambiamento ambientale. L’effetto dei gas serra del Tardo Triassico sugli ecosistemi marini non è così diverso da quello che vediamo accadere oggi alle barriere coralline che soffrono per la maggiore temperatura degli oceani“.

Il co-autore, professor Richard Twitchett, del Museo di Storia Naturale di Londra, ha dichiarato: “Comprendere l’entità del crollo delle barriere durante le estinzioni passate può aiutarci a prevedere ciò che è in atto per i nostri ecosistemi marini moderni“.

Gli ecosistemi tropicali hanno subito diffuse devastazioni ogni volta che i gas a effetto serra sono aumentati rapidamente in passato, nonostante le differenze nei tassi di cambiamento e nel numero delle specie coinvolte. Quando vediamo eventi simili che si sono verificati in passato, nonostante le diverse condizioni di partenza, risposte simili probabilmente si verificcheranno ancora in futuro“.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...