Il mistero della "mummia urlante"

Anche se il Grande Museo Egizio che domina la piana di Giza celebrerà la sua inaugurazione nel mese di dicembre, è il Museo Egizio che rimarrà una delle icone archeologiche egiziane.
Per evidenziare alcune delle sue preziose collezioni, il Museo Egizio di Tahrir che si affaccia sulla piana di Giza esporrà nel suo foyer e su base settimanale, tre dei suoi artefatti che si trovano in un’area espositiva nascosta, rimpatriati dall’estero e conservati nel seminterrato .
Questa settimana la mummia dell’Uomo Sconosciuto E e una maschera dorata in cartonnage con un sudario sono gli oggetti selezionati che verranno esposti in modo speciale.

Elham Salah, capo del Settore Musei presso il Ministero delle Antichità, ha detto che la maschera in cartonnage dorata con il sudario è stata rimpatriata dagli Stati Uniti nel 2017. Il sudario sembra una rete ornata di perline, era usato dalla XXI dinastia come copertura per le mummie.

Nel frattempo, l’Uomo Sconosciuto E è avvolto in pelle di pecora con le unghie tagliate a punta e tinte con l’henné e una bocca aperta che fa sembrare come se la mummia fosse stata avvelenata. La mummia appartiene forse al principe Pentewere, uno dei figli di un re della XXI dinastia, Ramses III, che era stato coinvolto in una cospirazione contro suo padre.

La macabra mummia dell’Uomo Sconosciuto E, conosciuta anche come la ‘Mummia urlante’, sconcerta da tempo gli studiosi“, ha detto ad Al-Ahram Weekly il famoso egittologo Zahi Hawass, aggiungendo che questa particolare mummia è circondata dal mistero. Sebbene fosse stato nuovamente sepolto nel deposito di mummie reali di Deir Al-Bahari, non era avvolto nelle solite bende di lino come il resto delle mummie. Invece, era avvolto in pelle di pecora, che era considerata impura dagli antichi egizi. Le sue mani e i piedi erano legati con lacci di cuoio. Non era nemmeno mummificato, ma era stato semplicemente lasciato asciugare nel Natron e poi gli avevano versato della resina nella bocca aperta.

Tale insolita mummificazione ha lasciato perplessi gli egittologi e nessuno è riuscito a conoscere la storia di questa mummia fino al lancio del Egyptian Mummy Project, diversi anni fa, sotto la mia direzione, col fine di creare un database completo di informazioni forensi relative alla collezione di mummie del Museo Egizio“, ha detto Hawass.

Il DNA estratto dalle ossa delle mummie dell’Uomo Sconosciuto E e di Ramses III è stato analizzato per identificare delle relazioni familiari, se ce ne sono, e ha confermato che l’Uomo Sconosciuto E è davvero il figlio di Ramses III. I segni trovati attorno al collo della mummia corrispondono al racconto del Harem Conspiracy Papyrus, che racconta che Pentawere era stato condannato all’impiccagione. Considerando lo stato di disonorato della mummia e il modo in cui fu seppellita, può essere identificato come il cospiratore, il principe Pentawere, che pianificò l’omicidio di suo padre Ramses III. Il Harem Conspiracy Papyrus è attualmente in mostra al Museo Egizio di Torino.

Hawass ha raccontato al Weekly di una cospirazione ordita contro la vita di Ramses III dalla sua seconda moglie, Tiye, e da suo figlio, il principe Pentawere. La cospirazione includeva numerosi comandanti dell’esercito, soldati, servitori del palazzo, donne dell’harem di Ramses III e maghi di corte. Secondo il papiro, i cospiratori sono stati catturati e il testo tratta dei loro atti processuali. Tuttavia, il testo non indica se Ramses III sia stato assassinato. Si accenna solo che la “barca reale fu rovesciata” e si riferisce al re come al “grande dio“. Questa ambiguità ha causato un numero considerevole di argomentazioni e controversie accademiche, fino al lancio del Egyptian Mummy Project.

Come parte del progetto, esaminando la mummia di Ramses III, Hawass ha evidenziato nuove prove sulla sua vita e morte. Morì all’età di 60 anni e soffriva di aterosclerosi. Ma non è morto di vecchiaia. Un ulteriore esame della regione del collo ha rivelato che qualcuno ha sorpreso il re da dietro e lo ha ferito al collo con un’arma affilata, come un pugnale. La larghezza del grave taglio inferto alle parti molli è di 35 mm e si estende in profondità per raggiungere l’estremità inferiore della quinta fino alla settima vertebra. La ferita ha reciso tutte le strutture del collo compreso l’esofago, la trachea e i grandi vasi sanguigni.

Le scansioni CT hanno anche dimostrato che la mummia conservava tutti i suoi amuleti originali. Un amuleto occhio Wedjat, rappresentante l’occhio di Horus, era inserito nell’orlo della ferita alla gola. L’occhio Wedjat è un simbolo di protezione e guarigione. Rappresenta l’occhio di Horus, che fu ferito in una delle battaglie avvenute tra lui e Seth e magicamente guarito dal dio Thoth. Inserendo questo amuleto nella ferita, gli imbalsamatori speravano nella guarigione della ferita del re nell’aldilà. Le scansioni hanno anche mostrato quattro amuleti che rappresentano i quattro figli di Horus inseriti nel petto tra le bende per proteggere la mummia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...