Una salamandra in una grotta è rimasta completamente ferma per 7 anni, ma non era morta

Quando sei cieco e vivi in ​​una grotta, c’è molto tempo per restare seduti a pensare.

Forse è quello che stava facendo una salamandra delle caverne durante un periodo di sette anni in cui non ha fatto assolutamente nulla.

I ricercatori che osservavano questi anfibi ciechi che abitano nelle caverne, conosciuti anche come protei (Proteus anguinus), dovevano mostrare una notevole pazienza prima di poter riferire qualcosa su uno di questi esemplari in osservazione. È una buona cosa che lo studio sia stato progettato per durare per otto anni, perché questo proteo è rimasto completamente fermo per sette anni interi.

I protei hanno stili di vita sedentari a causa del loro habitat inospitale, infatti si sono evoluti per vivere in caverne sottomarine buie. Hanno perso gli occhi e quasi tutta la  pigmentazione della pelle, appaiono come draghi bianchi, ciechi e spettrali. Gli scienziati ritengono che possano vivere per più di 100 anni e il loro metabolismo è così lento che hanno bisogno di mangiare solo una volta ogni decennio, riferisce CNET.

Se consideriamo che non hanno predatori naturali e cercano un compagno ogni 12,5 anni circa, è più facile capire la pigrizia di queste creature, anche se nessuno poteva immaginare che questo livello di inattività fosse possibile.

Per lo studio, i ricercatori del Regno Unito e dell’Ungheria si sono tuffati nell’oscurità delle caverne della Bosnia-Erzegovina dove vivono questi anfibi. Hanno raccolto i campioni a mano e iniettato un impianto di elastomero visibile sotto la pelle della pinna caudale di ciascun animale, come metodo di marcatura. I protei sono stati quindi rimessi nel punto esatto della cattura e i ricercatori sono tornati a controllarli periodicamente per un periodo di otto anni.

Si è scoperto che l’osservazione dei protei è l’equivalente biologico di guardare la vernice mentre secca.

La maggior parte degli individui taggati si è mossa meno di 10 metri nel corso dello studio, con l’individuo sedentario sopra citato, che era quello che si muoveva di meno tra tutti, solo una volta durante tutto il periodo di osservazione.

Ma mentre non c’era molta attività da osservare, c’era molto di più nello studio che non il solo aspettare che le salamandre si muovessero. Poiché i protei si riproducono a un ritmo così tranquillo, sono incredibilmente vulnerabili a cambiamenti anche minori nel loro ambiente. Possono quindi fungere da indicatori cruciali sulla portata dell’impatto umano sull’ambiente.

La bassa attività riproduttiva della specie, insieme all’estrema fedeltà al sito segnalata, rende questo predatore principale delle comunità delle grotte acquatiche altamente vulnerabile e un sensibile bioindicatore delle attività umane che ne cambiano l’habitat“, hanno scritto gli autori dello studio.

Lo studio è stato pubblicato nel ZSL Journal of Zoology.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...