L’antico microbioma intestinale ha fatto luce sull’evoluzione umana

Il microbioma dei nostri antenati potrebbe essere più importante per l’evoluzione umana di quanto si pensasse in precedenza, è quanto evidenzia un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution. Un microbioma intestinale adattivo avrebbe potuto essere fondamentale per la dispersione umana, permettendo ai nostri antenati di sopravvivere in nuove aree geografiche.

In questo documento, iniziamo a considerare come potrebbero essere stati i microbiomi dei nostri antenati e come potrebbero essere cambiati“, afferma Rob Dunn della North Carolina State University negli Stati Uniti. “Tali cambiamenti non sono sempre negativi e oggi la medicina, la dieta e molto altro hanno più senso alla luce di una migliore comprensione dei microbi che facevano parte della vita quotidiana dei nostri antenati.

Questi microbiomi adattivi potrebbero essere stati fondamentali per il successo umano in una vasta gamma di ambienti diversi. Utilizzando i dati di studi precedentemente pubblicati per confrontare il microbioma tra umani, scimmie e altri primati non umani, il team interdisciplinare di ricercatori ha scoperto che vi sono sostanziali variazioni nella composizione e nella funzione del microbioma umano che sono correlate alla geografia e allo stile di vita. Ciò suggerisce che il microbioma intestinale umano si è adattato rapidamente alle nuove condizioni ambientali.

Quando i nostri antenati sono entrati in nuove aree geografiche, hanno affrontato nuove scelte alimentari e malattie e hanno usato una varietà di strumenti diversi per ottenere e elaborare il cibo. Il loro microbioma adattativo ha permesso di digerire o disintossicare i cibi che stavano mangiando in una data regione e ha aumentato la capacità del nostro antenato di sopportare nuove malattie. Pertanto, l’adattamento microbico ha facilitato il successo umano in una vasta gamma di ambienti, permettendoci di diffonderci in tutto il mondo.

È importante sottolineare che la condivisione sociale dei microbi potrebbe aver portato ad adattamenti microbici locali. Tuttavia, i nostri antenati non solo condividevano il loro microbioma l’uno con l’altro, ma lo esternalizzavano anche nel loro cibo, ad esempio, con la fermentazione.

I ricercatori affermano che gli esseri umani antichi “estendevano” le loro viscere al di fuori dei loro corpi cooptando i microbi corporei per consentire alla digestione di iniziare esternamente quando fermentavano il cibo. Ciò ha permesso agli esseri umani di conservare il cibo e rimanere in un posto per un periodo più lungo, facilitando la persistenza di gruppi più grandi che vivevano insieme. Quando questi gruppi consumavano insieme i prodotti alimentari, i microbi re-inoculavano i consumatori e il microbioma del gruppo diventava più simile tra questi individui rispetto agli individui di altri gruppi.

Abbiamo esternalizzato i nostri microbi corporei nei nostri alimenti. Potrebbe essere lo strumento più importante che abbiamo mai inventato. Ma è uno strumento difficile da vedere nel passato e quindi non ne parliamo molto“, afferma Dunn. “I manufatti in pietra si conservano, ma il pesce o la birra fermentati in una buca nel terreno no“.

I risultati di questo studio sono limitati alle ipotesi che devono ancora essere testate da paleoantropologi, ricercatori medici, ecologi e altri professionisti. “Speriamo che i risultati rispondano ad alcune domande e che altri ricercatori in futuro studieranno le conseguenze dei cambiamenti nel microbioma umano“, afferma Dunn. “Speriamo che il prossimo decennio veda una maggiore attenzione ai microbi nel nostro passato e meno alle rocce taglienti.”

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...