Pareti ossee composte da arti e teschi umani scoperte sotto una chiesa in Belgio

Di recente, mentre scavavano i terreni di una chiesa a Gand, in Belgio, gli archeologi hanno scoperto dei muri costruiti con un materiale macabro: ossa umane (tra cui teschi in frantumi).

Alla fine dello scavo, gli archeologi avevano scoperto nove pareti, costruite principalmente con femori, tibie e peroni di adulti. Le zone intermedie erano piene di teschi, molti dei quali frammentati, secondo la Ruben Willaert, Restoration & Archeology / Decoration, la compagnia olandese che ha trovato le mura durante uno scavo prima della costruzione per un nuovo centro visitatori nella cattedrale.

Queste strutture orribili erano probabilmente il lavoro di persone che, centinaia di anni fa, hanno sgombrato un vecchio cimitero per fare spazio a nuovi corpi o a un rinnovamento della chiesa, ha detto l’archeologo Janiek De Gryse, del personale di Ruben Willaert e il capo del progetto di scavo.

Quando si svuota un cimitero, gli scheletri non possono essere semplicemente gettati via“, ha detto de Gryse a Live Science in una e-mail. “Dato che i fedeli credevano in una risurrezione del corpo, le ossa erano considerate la parte più importante“.

Salvaguardare i resti umani era così importante che a volte venivano costruite case di pietra “contro le mura dei cimiteri delle città per ospitare teschi e ossa lunghe in quello che viene chiamato un ossario“, ha detto de Gryse.

Le pareti ossee furono scoperte sul lato nord della Cattedrale di San Bavo, precedentemente nota come Chiesa di San Giovanni Battista, o San Jan. La datazione al radiocarbonio delle ossa suggerisce che risalgono alla seconda metà del XV secolo, ma le mura furono probabilmente costruite più tardi, nel diciassettesimo o all’inizio del diciottesimo secolo, dice de Gryse.

I documenti storici supportano queste date. Una fonte osserva che il cimitero della chiesa fu svuotato durante la prima metà del XVI secolo e di nuovo dopo il 1784, quando il cimitero smise di ricevere nuovi corpi.

Indipendentemente dalla data, questi muri sono una scoperta unica nel suo genere.

Non abbiamo paragoni in Belgio“, ha detto de Gryse. La maggior parte dei cimiteri storici sono costituiti da grandi fosse o strati pieni di ossa umane sciolte. “Non abbiamo mai visto strutture come muri costruite intenzionalmente con ossa umane“, ha detto de Gryse.

Chiunque abbia fatto le pareti deve aver avuto fretta, perché non si è preso la briga di raccogliere ossa piccole o fragili, come vertebre, costole o ossa dalle mani o dai piedi. Curiosamente, neanche gli archeologi hanno trovato le ossa del braccio.

Le pareti sono costituite solo da ossa degli arti inferiori“, ha detto de Gryse. “Al momento stiamo ancora esaminando quale idea ha portato a questo. È stata solo una operazione pratica (accumulare ossa in un modo molto compatto) o c’è anche una dimensione religiosa/spirituale dietro?

Mentre si trovano ossa di uomini e donne adulti, le ossa dei bambini sembrano essere assenti dalle pareti, il che è in conflitto con l’aspettativa di vita nota per quel periodo di tempo, quando i bambini spesso morivano di malattia.

Ma questo [è] tipico delle ossa delle tombe sgomberate“, secondo una dichiarazione di Ruben Willaert (tradotto dall’olandese con Google Translate). “Le ossa dei bambini sono piccole e fragili, quindi non sono state raccolte.

Per ora le ossa hanno trovato  una nuova casa all’Università di Gand, dove saranno esaminate come parte di un inventario dettagliato, ha detto de Gryse.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...