Capire la tradizione dei wet markets

Vendono prodotti freschi, animali vivi e forniscono un punto di collegamento culturale – ma sono stati anche collegati a focolai di infezioni gravi.

I mercati di alimenti freschi – dove le persone possono acquistare frutta e verdura e talvolta frutti di mare e carne – sono popolari in molti luoghi del mondo. Ma i “wet markets” sono tipici dei paesi asiatici. In alcuni di questi luoghi vengono macellati in loco pesci, pollame, serpenti e altri animali. A volte ci sono anche animali selvatici più esotici – come ricci e conigli – in vendita.

Sono chiamati wet markets (mercati bagnati) perché hanno sempre i pavimenti bagnati dai blocchi di ghiaccio che si fondono in continuazione per mantenere freschi i frutti di mare. Inoltre i detentori di stalli puliscono anche le loro aree spruzzandole continuamente con acqua, è quanto riferisce la National Heritage Society di Singapore.

Le autorità affermano che COVID-19, il nuovo coronavirus che ha ucciso oltre 89.000 persone, è  collegato a un wet market di Wuhan, in Cina. I media locali hanno riferito che il mercato vendeva anche serpenti, marmotte, scimmie e altri animali. Ciò ha suscitato preoccupazioni per il fatto che il virus è stato trasmesso dagli animali all’uomo.

Perché i wet markets esistono ancora oggi?

Questi mercati sono spesso divisi in due aree: umida e secca. Nella zona umida vengono venduti prodotti freschi, carne e talvolta animali vivi. L’area asciutta ha cabine che vendono spezie, noodles, fagioli e riso. Potrebbero anche esserci bancarelle nell’area asciutta che vendono abbigliamento, giocattoli e articoli per la casa, riferisce il New York Times.

I wet markets sono lo sbocco principale per i prodotti freschi e la carne nelle città cinesi e una grande città potrebbe avere qualche centinaio di wet markets, è quanto ci dice Zhenzhong Si, un borsista post-dottorato dell’Università di Waterloo.

Nonostante la crescita dei moderni supermercati e negozi di alimentari, questi mercati tradizionali rimangono popolari tra i consumatori locali che credono che più fresca è la carne, migliore è.

Uno studio dell’autunno 2019 sulla rivista Agriculture and Human Values ​​ha scoperto che i wet markets “generano un senso di freschezza che si pone in collegamento con questa cultura culinaria attraverso i sensi della gente, l’atmosfera e la fiducia tra venditori i di alimenti e i consumatori“.

La refrigerazione domestica si è diffusa solo negli ultimi anni in Cina, riferisce The Guardian. Sebbene le persone nelle aree urbane posseggano frigoriferi, molti nelle aree rurali e a basso reddito no. Quindi, per motivi pratici, è più facile acquistare carne fresca che può essere preparata immediatamente.

Inoltre, alcuni di quelli che sono stati cresciuti con questo tipo di cucina affermano che il gusto è migliore.

Le galline appena uccise sono molto meglio della carne congelata dei supermercati, se vuoi fare una zuppa di pollo perfetta“, ha detto a Bloomberg una donna di 60 anni di nome Ran mentre faceva shopping in un wet market cinese. “Il sapore è più ricco.

Polemiche sui wet markets

Insieme a tutta la tradizione, i wet markets sollevano polemiche.

La sindrome respiratoria acuta grave (SARS) – che fa anche parte della famiglia dei coronavirus – ha ucciso 774 persone in 29 paesi tra il 2002 e il 2003. Probabilmente ha avuto origine in un wet market nella provincia del Guangdong, nel sud della Cina. Si credeva che fosse saltato agli umani dagli zibetti e da altri animali che venivano venduti per il consumo. Quegli animali probabilmente avevano contratto il virus dai pipistrelli, secondo studi come questo sulla rivista Emerging Infectious Diseases.

Dopo lo scoppio della SARS, i wet markets sono stati monitorati più da vicino, con la Cina che regolò strettamente la vendita di animali selvatici per circa sei mesi, secondo l’Associated Press. Coloro che sanno dove cercare però possono spesso trovare venditori che nascondono segretamente ogni sorta di animali vivi, tra cui pangolini, tassi, salamandre, scorpioni, ricci e cuccioli di lupo.

La vendita di questi animali sta accelerando l’estinzione di molte specie, riferisce AP. Anche se i venditori potrebbero avere le licenze per vendere alcune specie, molti animali vengono cacciati illegalmente.

I media hanno riportato una foto di un menu del wet market di Wuhan al centro dell’attuale focolaio. Mostra oltre 110 specie animali in vendita. Quel mercato è stato chiuso il 1° gennaio e rimane chiuso.

A metà gennaio, le autorità cinesi hanno temporaneamente vietato il commercio di animali selvatici a causa del nuovo focolaio di coronavirus, il che significava che nessun animale selvatico poteva essere trasportato o venduto in alcun mercato o online fino alla risoluzione dell’epidemia. Tuttavia, ad aprile, alcuni wet market cinesi hanno iniziato a riaprire, con grande sgomento degli esperti di salute.

Alcuni esperti hanno chiesto che il divieto temporaneo sui mercati della fauna selvatica sia reso permanente per motivi di sicurezza sia ambientale che sanitaria.

dovrebbero chiudere immediatamente queste cose“, ha dichiarato il dott. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive e membro chiave della task force del coronavirus della Casa Bianca all’inizio di aprile, condiviso da The Hill. “Mi sorprende solo il fatto che quando abbiamo così tante malattie che emanano da quest’insolita interfaccia uomo-animale questa non venga chiusa.

Il capo dell’Isituto per la biodiversità delle Nazioni Unite è fortemente daccordo, ma ha affermato che deve essere trovata un’alternativa o la cosa potrebbe provocare un’esplosione del commercio illegale di animali.

Sarebbe bello vietare i mercati di animali vivi come ha fatto la Cina e alcuni paesi. Ma dovremmo anche ricordare che ci sono delle comunità, in particolare quelle delle zone rurali a basso reddito, in particolare in Africa, che dipendono dagli animali selvatici per i mezzi di sussistenza di milioni di persone“, ha detto Elizabeth Maruma Mrema a The Guardian. “Quindi, a meno che non troviamo alternative per queste comunità, potrebbe esserci il pericolo di un aumento del commercio illegale di animali selvatici che attualmente sta già portando sull’orlo dell’estinzione alcune specie. Dobbiamo guardare a come bilanciare questo e chiudere davvero il buco del commercio illegale in futuro“.

Cultura del wet market

Anche al di fuori delle preoccupazioni per la salute, l’idea dei wet market e della vendita di animali vivi e appena macellati è inconcepibile per le persone che non ne capiscono la cultura.

Quando parlo con i miei studenti, dico: ‘Il termine carne calda, carne fresca, mi sembra disgustoso, sono cresciuto [in Germania] con carne fresca, questo è tutto ciò che so“, racconta a The Guardian Dirk Pfeiffer, professore di medicina veterinaria presso la City University di Hong Kong. “Quindi chiedo loro perché escogitano ogni sorta di giustificazione vaga come la zuppa ha un sapore migliore o che è un problema di fiducia, sapendo che c’è un animale vivo dall’altra parte e non un animale malato. È tutto molto soggettivo.

Si dell’Università di Waterloo dice a NPR che le ragioni possono variare dalla nutrizione alla salute fino al fatto di mostrare ricchezza.

Mangiare animali selvatici è considerato un simbolo di ricchezza perché sono più rari e costosi. E inoltre gli animali selvatici sono considerati più naturali e, quindi, nutrienti rispetto alla carne d’allevamento“, afferma. “È una convinzione della medicina tradizionale cinese che questa carne possa rafforzare il sistema immunitario. Certo ci sono anche alcune persone che mangiano animali selvatici solo perché spinti dalla curiosità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...