Le antiche origini pagane della Pasqua

La domenica di Pasqua è una festa celebrata da milioni di persone in tutto il mondo che onorano la risurrezione di Gesù dai morti, descritta nel Nuovo Testamento come avvenuta tre giorni dopo la sua crocifissione sul Calvario. È anche il giorno in cui i bambini attendono con impazienza il coniglio pasquale che arriva a consegnare loro dolcetti e uova di cioccolato.

La Pasqua è una “festa mobile” che viene scelta per corrispondere alla prima domenica successiva alla luna piena dopo l’equinozio di marzo, e si verifica in date diverse in tutto il mondo poiché le chiese occidentali usano il calendario gregoriano, mentre le chiese orientali usano il calendario giuliano.

Allora, dove è iniziata questa ‘festa mobile’ e quali sono le origini delle tradizioni e dei costumi celebrati in questo importante giorno in tutto il mondo?

La maggior parte degli storici, compresi gli studiosi della Bibbia, concorda sul fatto che la Pasqua era in origine una festa pagana. Secondo il dizionario biblico di New Unger’s: “La parola Pasqua è di origine sassone, Eastra, la dea della primavera, in onore della quale venivano offerti sacrifici nel periodo di Pasqua ogni anno. Nell’ottavo secolo gli anglosassoni avevano adottato il nome per designare la celebrazione della risurrezione di Cristo“.

Tuttavia, anche tra coloro che sostengono che la Pasqua ha radici pagane, vi è un certo disaccordo da quale tradizione pagana sia emersa la festa. Qui esploreremo alcune di quelle tradizioni.

Resurrezione come simbolo di rinascita

Una teoria che è stata avanzata è che la storia pasquale della crocifissione e della risurrezione è un simbolo di rinascita e rinnovamento e racconta il ciclo delle stagioni, la morte e il ritorno del sole.

Secondo alcuni studiosi, come il dott. Tony Nugent, insegnante di teologia e studi religiosi all’Università di Seattle e ministro presbiteriano, la storia pasquale viene dalla leggenda sumera di Damuzi (Tammuz) e sua moglie Inanna (Ishtar), un mito epico chiamato “La discesa di Inanna” trovato inciso su tavolette di argilla in cuneiforme risalenti al 2100 aC.

Quando Tammuz muore, Ishtar è afflitta dal dolore e lo segue negli inferi. Qui entra attraverso sette porte e il suo abito del mondo viene rimosso. “Nuda e umile” viene giudicata, uccisa e poi appesa. In sua assenza, la terra perde la sua fertilità, le colture cessano di crescere e gli animali smettono di riprodursi. Se non si fa qualcosa, tutta la vita sulla terra finirà.

Dopo che Inanna è scomparsa da tre giorni, la sua assistente si rivolge ad altri dei per chiedere aiuto. Finalmente uno di loro, Enki, crea due creature che portano l’albero  della vita e l’acqua della vita negli Inferi, aspergendo con essi Inanna e Damuzi, che risorgono, e questi oggetti sacri donano loro il potere di tornare sulla terra come luce del sole per sei mesi. Dopo che i sei mesi sono scaduti, Tammuz ritorna negli inferi con i morti, rimanendo lì per altri sei mesi, mentre Ishtar lo insegue, spingendo il dio delle acque a salvarli entrambi. Così furono creati i cicli della morte invernale e della rinascita primaverile.

Il dottor Nugent si affretta a sottolineare che disegnare paralleli tra la storia di Gesù e l’epopea di Inanna “non significa necessariamente che non c’era una persona reale, Gesù, che fu crocifisso, ma piuttosto che, se c’è stata, la storia a riguardo è stata strutturata e abbellita secondo uno schema molto antico e diffuso“.

La dea sumera Inanna è conosciuta al di fuori della Mesopotamia con il suo nome babilonese, “Ishtar”. Nell’antica Canaan Ishtar è conosciuta come Astarte, e le sue controparti nei pantheon greco e romano sono conosciute come Afrodite e Venere. Nel IV secolo, quando i cristiani identificarono il sito esatto a Gerusalemme dove si trovava la tomba vuota di Gesù, selezionarono il punto in cui sorgeva un tempio di Afrodite (Astarte / Ishtar / Inanna). Il tempio fu demolito e fu costruita la Chiesa del Santo Sepolcro, la chiesa più sacra del mondo cristiano.

Il dott. Nugent sottolinea che la storia di Inanna e Damuzi è solo uno dei tanti racconti di divinità morenti che risorgono e che rappresentano il ciclo delle stagioni e delle stelle. Ad esempio, la resurrezione del dio Horus egiziano; la storia di Mitra, che veniva adorato a primavera; e la storia di Dioniso, resuscitato da sua nonna. Tra queste storie prevalgono temi di fertilità, concepimento, rinnovamento, discesa nelle tenebre e trionfo della luce sulle tenebre o del bene sul male.

Pasqua come celebrazione della dea della primavera

Una prospettiva correlata è che, piuttosto che essere una rappresentazione della storia di Ishtar, la Pasqua fosse in origine una celebrazione di Eostre, dea della primavera, altrimenti nota come Ostara, Austra e Eastre. Uno degli aspetti più venerati di Ostara per gli osservatori sia antichi che moderni è uno spirito di rinnovamento.

Celebrata all’equinozio di primavera il 21 marzo, Ostara segna il giorno in cui la luce è uguale all’oscurità e continuerà a crescere. Come il portatore di luce, dopo un lungo inverno buio, la dea era spesso raffigurata insieme con la lepre, un animale che rappresenta l’arrivo della primavera e la fertilità della stagione.

Secondo la Deutsche Mythologie di Jacob Grimm, l’idea della resurrezione era radicata nella celebrazione di Ostara: “Ostara, Eástre sembra quindi essere stata la divinità dell’alba radiosa, della luce che sale, uno spettacolo che porta gioia e benedizione, il cui significato potrebbe essere facilmente adattato al giorno della risurrezione del Dio cristiano.

La maggior parte delle analisi dell’origine della parola “Pasqua” concordano sul fatto che prende il nome da Eostre, un’antica parola che significa “primavera”, anche se molte lingue europee usano una forma o l’altra del nome latino per Pasqua, Pascha, che deriva dal Ebraico Pesach, che significa Pasqua ebraica.

Pasqua e il suo collegamento con la Pasqua ebraica

La Pasqua è associata alla festa ebraica di Pesach attraverso il suo simbolismo e significato, così come la sua posizione nel calendario. Alcuni primi cristiani scelsero di celebrare la resurrezione di Gesù nella stessa data di Pesach, che riflette la Pasqua che era entrata nel cristianesimo durante il suo primo periodo ebraico. La prova di una festa cristiana di Pasqua più sviluppata è emersa intorno alla metà del secondo secolo.

Nel 325 d.C., l’imperatore Costantino convocò una riunione dei leader cristiani, per risolvere importanti controversie, nel Concilio di Nicea. Poiché la chiesa credeva che la resurrezione avesse avuto luogo una domenica, il Concilio decise che la Pasqua dovesse cadere sempre la prima domenica dopo la prima luna piena che segue l’equinozio di primavera. Da allora la Pasqua è rimasta senza una data fissa, ma vicino alla luna piena, che ha coinciso con l’inizio della Pasqua.

Mentre ci sono differenze distinte tra le celebrazioni di Pesach e di Pasqua, entrambe le feste celebrano la rinascita – nel cristianesimo attraverso la risurrezione di Gesù e nelle tradizioni ebraiche attraverso la liberazione degli israeliti dalla schiavitù.

Le origini delle usanze pasquali

Le usanze più ampiamente praticate nella domenica di Pasqua riguardano il simbolo del coniglio (“Coniglietto di Pasqua”) e l’uovo. Come sottolineato in precedenza, il coniglio era un simbolo associato a Eostre, che rappresentava l’inizio della primavera. Allo stesso modo, l’uovo è arrivato a rappresentare la primavera, la fertilità e il rinnovamento. Nella mitologia germanica, si dice che Ostara abbia guarito un uccello ferito che ha trovato nei boschi trasformandolo in una lepre. Ancora parzialmente uccello, la lepre ha mostrato la sua gratitudine alla dea deponendole delle uova come regali.

L’Enciclopedia Britannica spiega chiaramente le tradizioni pagane associate all’uovo: “L’uovo come simbolo di fertilità e di vita rinnovata risale agli antichi egizi e persiani, che avevano anche l’abitudine di colorare e mangiare uova durante la loro festa di primavera“. Nell’antico Egitto, un uovo simboleggiava il sole, mentre per i babilonesi l’uovo rappresentava la schiusa di Venere/Ishtar, che cadde dal cielo all’Eufrate.

Da dove viene la tradizione di un coniglietto pasquale che porta le uova? Il primo riferimento può essere trovato in un testo tedesco risalente al 1572 d.C .: “Non preoccuparti se il coniglietto pasquale ti sfugge; se dovessimo perdere le sue uova, cucineremo il nido”, si legge nel testo. Ma la tradizione si è fatta strada negli Stati Uniti dopo l’arrivo degli immigrati tedeschi, a questo punto l’usanza ha assunto la sua forma attuale. Alla fine del 19° secolo, i negozi vendevano caramelle a forma di coniglio, che in seguito sono diventati i coniglietti di cioccolato che abbiamo oggi, e ai bambini veniva raccontata la storia di un coniglio che consegna cestini di uova, cioccolato e altri dolci la mattina di Pasqua.

In molte tradizioni cristiane, l’usanza di dare le uova a Pasqua è la celebrazione di una nuova vita. I cristiani ricordano che Gesù, dopo essere morto sulla croce, risuscitò dai morti, dimostrando che la vita poteva vincere sulla morte. Per i cristiani, l’uovo è il simbolo della tomba in cui è stato collocato il corpo di Gesù, mentre rompere l’uovo rappresenta la resurrezione di Gesù. Nella tradizione ortodossa, le uova sono dipinte di rosso per simboleggiare il sangue versato da Gesù sulla croce.

Indipendentemente dalle origini molto antiche del simbolo dell’uovo, la maggior parte delle persone concorda sul fatto che nulla simboleggia il rinnovamento più perfettamente dell’uovo: rotondo, infinito e pieno della promessa della vita.

All’inizio molte delle usanze pagane associate alla celebrazione della primavera erano praticate insieme alle tradizioni pasquali cristiane, alla fine arrivarono ad essere assorbite dal cristianesimo, come simboli della resurrezione di Gesù. Il Primo Concilio di Nicea (325) stabilì la data di Pasqua come la prima domenica dopo la luna piena (la luna piena pasquale) dopo l’equinozio di marzo.

Sia che la si osservi come una festa religiosa che commemora la resurrezione di Gesù Cristo, o un momento in cui le famiglie dell’emisfero settentrionale possono godersi l’arrivo della primavera e celebrare con la decorazione delle uova e con i coniglietti pasquali, la celebrazione della Pasqua conserva ancora lo stesso spirito di rinascita e rinnovamento, come è stato per migliaia di anni.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...