Cosa usavano le persone prima che la carta igienica fosse inventata?

All’inizio della pandemia di COVID-19, la carta igienica era difficile da trovare quasi quanto i dispositivi di protezione individuale. Sebbene la carta igienica esistita nel mondo occidentale almeno dal XVI secolo d.C. e in Cina dal II secolo a.C., miliardi di persone non la usano nemmeno oggi. In passato, la carta igienica era ancora più scarsa.

Quindi cosa usavano gli antichi umani per pulirsi dopo essere andati in bagno?

Può essere difficile dirlo usando la documentazione archeologica, ha detto Susan Morrison, professoressa di letteratura medievale alla Texas State University e autrice del libro “Excrement in the Middle Ages; Sacred Filth and Chaucer’s Fecopoetics” (Palgrave Macmillan, 2008). “La maggior parte del materiale non è a nostra disposizione per uno studio perché era organico ed è semplicemente scomparso“, ha detto la Morrison a WordsSideKick.com. Tuttavia, gli esperti sono stati in grado di recuperare alcuni campioni, inclusi alcuni con tracce di feci, e raffigurazioni dei precursori della carta igienica nell’arte e nella letteratura.


Nel corso della storia, le persone hanno usato di tutto, dalle proprie mani alle pannocchie di mais, alla neve per ripulirsi dopo i movimenti intestinali. Uno dei materiali più antichi registrati per questo scopo è il bastoncino igienico, il cui uso risale alla Cina di 2000 anni fa, è quanto riporta uno studio del 2016 del Journal of Archaeological Science. I bastoncini igienici, chiamati anche fogli di bambù, erano bastoncini di legno o bambù avvolti in un panno.

Durante il periodo greco-romano, dal 332 a.C. fino al 642 d.C., i Greci e i Romani probabilmente pulivano i loro deretani con un altro tipo di bastone chiamato tersorio. Questo aveva una spugna a un’estremità e veniva lasciato nei bagni pubblici per uso comune. Alcuni studiosi però sostengono che il tersorio potrebbe non essere stato usato dalle persone per pulirisi, ma dagli schiavi per pulire i bagni in cui le persone defecavano. Si pensa che le persone pulissero il tersorio dopo l’uso immegendolo in un secchio di acqua salata o aceto o immergendolo nell’acqua corrente che scorreva sotto i sedili dei water .

Greci e Romani si pulivano anche con pezzi di ceramica arrotondati di forma di ovale o rotonda, chiamati pessoi. Gli archeologi hanno trovato reliquie di pessoi con tracce di feci su di esse, e un’antica coppa di vino mostra un uomo che si pulisce il sedere con i pessoi. I greci potrebbero anche essersi puliti con gli ostraka, pezzi di ceramica con sopra inscritto il nome dei loro nemici dopo aver votato per ostracizzarli. Dopo il voto, probabilmente coprivano con le loro feci i nomi dei nemici. Tuttavia, secondo il sito BMJ, questi materiali ceramici potevano danneggiare i sederi nel tempo, causando irritazione alla pelle e la fuoriuscita delle emorroidi.

In Giappone nell’ottavo secolo d.C., le persone usavano un altro tipo di bastone di legno chiamato chuugi per pulire sia l’esterno che l’interno dell’ano, introducendo letteralmente un bastoncino tra le natiche.

Sebbene i bastoncini siano stati popolari per pulire l’ano nel corso della storia, gli antichi si pulivano con molti altri materiali, come acqua, foglie, erba, pietre, pellicce di animali e conchiglie. Nel Medioevo, ha aggiunto la dott. Morrison, le persone usavano anche muschio, carice, fieno, paglia e pezzi di stoffa.

La gente usava così tanti materiali che un romanziere francese, François Rabelais, scrisse una poesia satirica sull’argomento nel XVI secolo. La sua poesia ha dato la prima menzione della carta igienica nel mondo occidentale, ma l’ha definita inefficace. Rabelais invece concluse che un collo d’oca fosse l’opzione migliore. Anche se Rabelais stava scherzando, “le piume funzionerebbero come qualsiasi cosa organica“, ci ha detto la Morrison.

Certo, anche oggi la carta igienica non è utilizzata universalmente. Ad esempio, il notiziario australiano SBS Punjabi ha scherzosamente preso in giro gli occidentali alla disperata ricerca di carta igienica all’inizio della pandemia, esortandoli a “lavarsi non asciugarsi” con un getto d’acqua delicato.

Fonte

La Morte Nera fu una devastante epidemia globale di peste bubbonica che colpì l’Europa e l’Asia a metà del 1300. La peste arrivò in Europa nell’ottobre del 1347, quando 12 navi provenienti dal Mar Nero attraccarono al porto siciliano di Messina. La gente radunata sul molo ebbe una terrificante sorpresa: la maggior parte dei marinai a bordo delle navi erano morti e quelli ancora vivi erano gravemente malati e coperti di bolle nere che trasudavano sangue e pus. Le autorità siciliane ordinarono in fretta che la flotta di “navi della morte” fosse allontanata dal porto, ma era troppo tardi: nei cinque anni successivi, la Morte Nera avrebbe ucciso più di 20 milioni di persone in Europa, quasi un terzo della popolazione del continente. Continua a leggere

Perché i gatti hanno delle piccole tasche sulle orecchie?

Link all’immagine originale

Nel tempo, l’evoluzione ha modellato l’anatomia di diversi animali, scartando le caratteristiche non necessarie e perfezionandone altre che, in una specie particolare, aiutano a sopravvivere. I gatti hanno una curiosa caratteristica anatomica: una piccola tasca a forma di marsupio alla base delle orecchie che ha un nome elegante, ma qual è la sua funzione? Continua a leggere

Perché i virus dei pipistrelli sono così micidiali?

Non è un caso che alcuni dei peggiori focolai di malattie virali negli ultimi anni – SARS, MERS, Ebola, Marburg e probabilmente il virus COVID-19 appena arrivato – siano nati nei pipistrelli.

Una nuova ricerca dell’Università di California, Berkeley, rileva che la feroce risposta immunitaria dei pipistrelli ai virus potrebbe spingere i virus stessi a replicarsi più velocemente in modo che quando saltano verso altri mammiferi con un sistema immunitario medio, come gli umani, questi virus provocano un caos mortale. Continua a leggere

Gli storici svelano i più intriganti segreti della storia

Sebbene le persone fingano che sia scritta nella pietra, la storia presenta moltissimi misteri, più o meno famosi, molti dei quali rimangono irrisolti.

Dalla posizione della tomba di Genghis Khan alle istruzioni per creare un’arma bizantina che ha ispirato anche gli autori di Game of Thrones, questo elenco raccoglie i segreti meglio custoditi della storia. Alcuni segreti sono rimasti nascosti per secoli fino a quando non è accaduto un incidente, come la scoperta di un Buddha in oro massiccio nascosto in bella vista. Sorprendentemente, questo non è l’unico segreto da un milione di dollari in questa lista. Altre informazioni top-secret, dal Progetto Manhattan alle operazioni di intelligence della Seconda Guerra Mondiale in Gran Bretagna, alla fine vennero rese pubbliche dopo la fine della guerra, sbalordendo il pubblico.

Continua a leggere

Le antiche origini pagane della Pasqua

La domenica di Pasqua è una festa celebrata da milioni di persone in tutto il mondo che onorano la risurrezione di Gesù dai morti, descritta nel Nuovo Testamento come avvenuta tre giorni dopo la sua crocifissione sul Calvario. È anche il giorno in cui i bambini attendono con impazienza il coniglio pasquale che arriva a consegnare loro dolcetti e uova di cioccolato. Continua a leggere

Capire la tradizione dei wet markets

Vendono prodotti freschi, animali vivi e forniscono un punto di collegamento culturale – ma sono stati anche collegati a focolai di infezioni gravi.

I mercati di alimenti freschi – dove le persone possono acquistare frutta e verdura e talvolta frutti di mare e carne – sono popolari in molti luoghi del mondo. Ma i “wet markets” sono tipici dei paesi asiatici. In alcuni di questi luoghi vengono macellati in loco pesci, pollame, serpenti e altri animali. A volte ci sono anche animali selvatici più esotici – come ricci e conigli – in vendita.

Continua a leggere

Le tracce di una foresta pluviale in Antartide indicano un mondo preistorico più caldo

I ricercatori hanno trovato prove della presenza di foreste pluviali vicino al Polo Sud di 90 milioni di anni fa, suggerendo che il clima era eccezionalmente caldo in quel periodo.

Una squadra del Regno Unito e della Germania ha scoperto questi suoli forestali del periodo Cretaceo a meno di 900 km dal Polo Sud. La loro analisi di radici, polline e spore conservate mostra che il mondo a quel tempo era molto più caldo di quanto si pensasse.

Continua a leggere

Le pandemie che hanno cambiato la storia

Nel reame delle malattie infettive, una pandemia è lo scenario peggiore. Quando un’epidemia si diffonde oltre i confini di un paese, è allora che la malattia diventa ufficialmente una pandemia.

Malattie trasmissibili esistevano già durante i primi giorni dell’umanità, al tempo dei cacciatori-raccoglitori, ma il passaggio alla vita agraria 10.000 anni fa ha creato comunità che hanno reso più facili le epidemie. Malaria, tubercolosi, lebbra, influenza, vaiolo e altri sono apparsi per la prima volta in questo periodo.

Continua a leggere

Pareti ossee composte da arti e teschi umani scoperte sotto una chiesa in Belgio

Di recente, mentre scavavano i terreni di una chiesa a Gand, in Belgio, gli archeologi hanno scoperto dei muri costruiti con un materiale macabro: ossa umane (tra cui teschi in frantumi).

Alla fine dello scavo, gli archeologi avevano scoperto nove pareti, costruite principalmente con femori, tibie e peroni di adulti. Le zone intermedie erano piene di teschi, molti dei quali frammentati, secondo la Ruben Willaert, Restoration & Archeology / Decoration, la compagnia olandese che ha trovato le mura durante uno scavo prima della costruzione per un nuovo centro visitatori nella cattedrale. Continua a leggere