Perché i virus dei pipistrelli sono così micidiali?

Non è un caso che alcuni dei peggiori focolai di malattie virali negli ultimi anni – SARS, MERS, Ebola, Marburg e probabilmente il virus COVID-19 appena arrivato – siano nati nei pipistrelli.

Una nuova ricerca dell’Università di California, Berkeley, rileva che la feroce risposta immunitaria dei pipistrelli ai virus potrebbe spingere i virus stessi a replicarsi più velocemente in modo che quando saltano verso altri mammiferi con un sistema immunitario medio, come gli umani, questi virus provocano un caos mortale. Continua a leggere

Capire la tradizione dei wet markets

Vendono prodotti freschi, animali vivi e forniscono un punto di collegamento culturale – ma sono stati anche collegati a focolai di infezioni gravi.

I mercati di alimenti freschi – dove le persone possono acquistare frutta e verdura e talvolta frutti di mare e carne – sono popolari in molti luoghi del mondo. Ma i “wet markets” sono tipici dei paesi asiatici. In alcuni di questi luoghi vengono macellati in loco pesci, pollame, serpenti e altri animali. A volte ci sono anche animali selvatici più esotici – come ricci e conigli – in vendita.

Continua a leggere

Le tracce di una foresta pluviale in Antartide indicano un mondo preistorico più caldo

I ricercatori hanno trovato prove della presenza di foreste pluviali vicino al Polo Sud di 90 milioni di anni fa, suggerendo che il clima era eccezionalmente caldo in quel periodo.

Una squadra del Regno Unito e della Germania ha scoperto questi suoli forestali del periodo Cretaceo a meno di 900 km dal Polo Sud. La loro analisi di radici, polline e spore conservate mostra che il mondo a quel tempo era molto più caldo di quanto si pensasse.

Continua a leggere

L’antico microbioma intestinale ha fatto luce sull’evoluzione umana

Il microbioma dei nostri antenati potrebbe essere più importante per l’evoluzione umana di quanto si pensasse in precedenza, è quanto evidenzia un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution. Un microbioma intestinale adattivo avrebbe potuto essere fondamentale per la dispersione umana, permettendo ai nostri antenati di sopravvivere in nuove aree geografiche.

In questo documento, iniziamo a considerare come potrebbero essere stati i microbiomi dei nostri antenati e come potrebbero essere cambiati“, afferma Rob Dunn della North Carolina State University negli Stati Uniti. “Tali cambiamenti non sono sempre negativi e oggi la medicina, la dieta e molto altro hanno più senso alla luce di una migliore comprensione dei microbi che facevano parte della vita quotidiana dei nostri antenati.

Questi microbiomi adattivi potrebbero essere stati fondamentali per il successo umano in una vasta gamma di ambienti diversi. Utilizzando i dati di studi precedentemente pubblicati per confrontare il microbioma tra umani, scimmie e altri primati non umani, il team interdisciplinare di ricercatori ha scoperto che vi sono sostanziali variazioni nella composizione e nella funzione del microbioma umano che sono correlate alla geografia e allo stile di vita. Ciò suggerisce che il microbioma intestinale umano si è adattato rapidamente alle nuove condizioni ambientali.

Quando i nostri antenati sono entrati in nuove aree geografiche, hanno affrontato nuove scelte alimentari e malattie e hanno usato una varietà di strumenti diversi per ottenere e elaborare il cibo. Il loro microbioma adattativo ha permesso di digerire o disintossicare i cibi che stavano mangiando in una data regione e ha aumentato la capacità del nostro antenato di sopportare nuove malattie. Pertanto, l’adattamento microbico ha facilitato il successo umano in una vasta gamma di ambienti, permettendoci di diffonderci in tutto il mondo.

È importante sottolineare che la condivisione sociale dei microbi potrebbe aver portato ad adattamenti microbici locali. Tuttavia, i nostri antenati non solo condividevano il loro microbioma l’uno con l’altro, ma lo esternalizzavano anche nel loro cibo, ad esempio, con la fermentazione.

I ricercatori affermano che gli esseri umani antichi “estendevano” le loro viscere al di fuori dei loro corpi cooptando i microbi corporei per consentire alla digestione di iniziare esternamente quando fermentavano il cibo. Ciò ha permesso agli esseri umani di conservare il cibo e rimanere in un posto per un periodo più lungo, facilitando la persistenza di gruppi più grandi che vivevano insieme. Quando questi gruppi consumavano insieme i prodotti alimentari, i microbi re-inoculavano i consumatori e il microbioma del gruppo diventava più simile tra questi individui rispetto agli individui di altri gruppi.

Abbiamo esternalizzato i nostri microbi corporei nei nostri alimenti. Potrebbe essere lo strumento più importante che abbiamo mai inventato. Ma è uno strumento difficile da vedere nel passato e quindi non ne parliamo molto“, afferma Dunn. “I manufatti in pietra si conservano, ma il pesce o la birra fermentati in una buca nel terreno no“.

I risultati di questo studio sono limitati alle ipotesi che devono ancora essere testate da paleoantropologi, ricercatori medici, ecologi e altri professionisti. “Speriamo che i risultati rispondano ad alcune domande e che altri ricercatori in futuro studieranno le conseguenze dei cambiamenti nel microbioma umano“, afferma Dunn. “Speriamo che il prossimo decennio veda una maggiore attenzione ai microbi nel nostro passato e meno alle rocce taglienti.”

Fonte

Gusci d’uovo preistorici forniscono indizi sull’evoluzione dei dinosauri da creature a sangue freddo a creature a sangue caldo

Dal momento in cui i fossili di dinosauro sono stati scoperti per la prima volta, queste creature hanno affascinato allo stesso modo scienziati e gente comune. Nel mondo accademico, i loro resti forniscono importanti indizi del mondo preistorico; nella cultura popolare, i dinosauri hanno ispirato film di successo, come Jurassic Park e King Kong. Continua a leggere

Il fossile di “bambù” più antico della Patagonia, dell’Eocene, risulta essere una conifera

Un ramo frondoso fossilizzato del primo eocene trovato in Patagonia e descritto nel 1941 è ancora spesso citato come il più antico fossile di bambù e come principale prova fossile per l’origine gondwaniana dei bambù. Tuttavia, un recente esame del Dr. Peter Wilf della Pennsylvania State University ha rivelato la vera natura di Chusquea oxyphylla. Le recenti scoperte, pubblicate in un documento sulla rivista ad accesso aperto Phytokeys, mostrano che in realtà è una conifera. Continua a leggere

Quando i pinguini regnarono dopo la morte dei dinosauri

Che cosa caracollava sulla Terra ma nuotava superbamente nei mari subtropicali oltre 60 milioni di anni fa, dopo che i dinosauri furono spazzati via dal mare e dalla terra?

I registri fossili mostrano che giganteschi pinguini di dimensioni umane volavano attraverso le acque dell’emisfero meridionale – insieme a forme più piccole, di dimensioni simili a quelle di alcune specie che vivono oggi in Antartide. Continua a leggere

Intreccio tra la storia del vulcanismo e le estinzioni di massa

Raccoglie sempre più consenso scientifico il fatto che i gas – in particolare i gas di carbonio – rilasciati dalle eruzioni vulcaniche milioni di anni fa abbiano contribuito ad alcune delle maggiori estinzioni di massa sulla Terra. Ma una nuova ricerca presso il City College di New York suggerisce che questa non è l’intera storia. Continua a leggere

I semi ereditano i ricordi dalla madre

Il controllo materno e ambientale della dormienza dei semi viene effettuato attraverso nuovi meccanismi epigenetici 

I semi rimangono in uno stato dormiente – un temporaneo blocco della loro germinazione – finché le condizioni ambientali non sono ideali per la germinazione. La profondità di questo sonno, che è influenzata da vari fattori, è ereditata dalla madre, come avevano precedentemente dimostrato i ricercatori dell’Università di Ginevra (UNIGE), Svizzera. Oggi gli stessi ricercatori rivelano alla rivista eLife come questa impronta materna viene trasmessa attraverso piccoli frammenti di RNA cosiddetti “interferenti“, che inattivano determinati geni. I biologi rivelano anche che un meccanismo simile consente di trasmettere un’altra impronta, quella delle temperature presenti durante lo sviluppo del seme. Più bassa è questa temperatura, più alto sarà il livello di dormienza del seme. Questo meccanismo consente al seme di ottimizzare i tempi della sua germinazione. L’informazione viene quindi cancellata nell’embrione germogliato, in modo che la prossima generazione possa memorizzare nuovi dati sul proprio ambiente.

Continua a leggere

Gli scienziati scoprono il primo organismo con i geni della clorofilla che non fotosintetizza.

Per la prima volta gli scienziati hanno trovato un organismo in grado di produrre clorofilla ma che non la impegna nella fotosintesi.

L’organismo particolare è soprannominato “corallicolido” ed è presente nel 70% dei coralli in tutto il mondo e può fornire indizi su come proteggere le barriere coralline in futuro.

Questo è il secondo più abbondante coabitante del corallo del pianeta e non era ancora stato visto prima“, dice Patrick Keeling, botanico dell’Università della Columbia Britannica e ricercatore senior che supervisiona lo studio pubblicato su Nature. “Questo organismo pone domande biochimiche completamente nuove: sembra un parassita e non è assolutamente fotosintetico, ma produce clorofilla“.

Continua a leggere