Perché i virus dei pipistrelli sono così micidiali?

Non è un caso che alcuni dei peggiori focolai di malattie virali negli ultimi anni – SARS, MERS, Ebola, Marburg e probabilmente il virus COVID-19 appena arrivato – siano nati nei pipistrelli.

Una nuova ricerca dell’Università di California, Berkeley, rileva che la feroce risposta immunitaria dei pipistrelli ai virus potrebbe spingere i virus stessi a replicarsi più velocemente in modo che quando saltano verso altri mammiferi con un sistema immunitario medio, come gli umani, questi virus provocano un caos mortale. Continua a leggere

Le pandemie che hanno cambiato la storia

Nel reame delle malattie infettive, una pandemia è lo scenario peggiore. Quando un’epidemia si diffonde oltre i confini di un paese, è allora che la malattia diventa ufficialmente una pandemia.

Malattie trasmissibili esistevano già durante i primi giorni dell’umanità, al tempo dei cacciatori-raccoglitori, ma il passaggio alla vita agraria 10.000 anni fa ha creato comunità che hanno reso più facili le epidemie. Malaria, tubercolosi, lebbra, influenza, vaiolo e altri sono apparsi per la prima volta in questo periodo.

Continua a leggere

Che differenza c’è tra il nuovo coronavirus e l’influenza?

Il nuovo focolaio di coronavirus ha fatto notizia nelle ultime settimane, ma c’è un’altra epidemia virale che colpisce i paesi di tutto il mondo: l’influenza stagionale. Ma come si possono confrontare questi due virus e quale è davvero il più preoccupante?

Finora, il nuovo coronavirus, soprannominato 2019-nCoV, ha causato oltre 20.000 malati e 427 morti in Cina, e oltre 200 malati e due morti al di fuori della Cina continentale. Ma questo non è nulla rispetto ai numeri dell’influenza stagionale. Solo negli Stati Uniti, l’influenza stagionale ha già causato circa 19 milioni di malati, 180.000 ricoveri e 10.000 morti solo in questa stagione, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Continua a leggere